Addio a Franca Sozzani, la Zarina della Moda Italiana

131

Franca Sozzani, la regina dell’Editoria di Moda, non c’è più.

"VENICE,

Una bella foto onirica, il nome “Franca” e un cuore rosso. Il sito di Vogue la ricorda così, in modo elegante e senza una parola in più.

Franca Sozzani “era” la moda italiana da 28 anni, da quando è diventata direttore di Vogue Italia rivoluzionando, sovvertendo, stupendo, contestando un sistema intero.

La parola più usata per descriverla era Zarina. Una definizione sibillina che spiega quanto influente e potente fosse Franca Sozzani, scomparsa a soli 66 anni dopo una malattia. Ma quella parola, zarina, spiega anche quanto fosse invidiata.

Amata e temuta per la sua posizione di direttore di Vogue Italia dal 1988, un record alla guida di una rivista. Ma anche molto ammirata per quello che aveva fatto per la moda italiana e per la sua immagine e promozione all’estero. Dal 2006 era inoltre direttore di Vogue Uomo e dal 2015 era direttrice responsabile di tutti i periodici col marchio Vogue, fiore all’occhiello, in Italia, del colosso americano Condè Nast.

Classe 1950, laureata era diventata giornalista per caso, ma il lavoro divenne subito una divorante passione, che partiva dalla moda ma comprendeva la scoperta di nuovi talenti, la ricerca di una via italiana al racconto del fashion system attraverso una rivista patinata e la curiosità per il mondo della fotografia e dell’arte.

Sua l’idea di “Who’s On Next?”, concorso per stilisti emergenti che la trasforma, se ancora ce ne fosse bisogno, nel nume tutelare delle nuove generazioni.

Ha lavorato fino alla fine, impeccabile e autorevole. Con lei, scompare un simbolo, una figura chiave. Un mito. Mancherà immensamente.

Image: © Vittorio Zunino Celotto Photographer @vittoriozuninocelotto.com