MBA e MKS sfilano ancora con Dolce&Gabbana

173

MKS e MBA sfilano per la terza volta con Dolce&Gabbana nell’ambito di Milano Moda Uomo.

MKS e MBA sfilano ancora con Dolce&Gabbana fashionpress.itMBA e MKS sfilano ancora con Dolce&Gabbana

Il successo di una sfilata non dipende solo dai capi presentati in passerella. È il lavoro dietro le quinte, febbrile e adrenalinico, che diventa fondamentale. Come sempre è il lavoro di squadra che porta il risultato.

Non solo abiti o modelli, non solo sarte o vestiariste, ma l’insieme di make up artist, parrucchieri, fotografi… una miriade di persone che si muovono come un solo corpo, perfettamente coordinati.

MKS e MBA sfilano ancora con Dolce&Gabbana fashionpress.it

E  MKS – Milano Fashion School e MBA – Making Beauty Academy anche per la sfilata uomo autunno/inverno 2019/20, che si è tenuta a Milano, domenica 13 gennaio in Viale Piave 22, sono stati accanto a uno dei marchi d’eccellenza della moda made in Italy: Dolce&Gabbana.

MKS e MBA sfilano ancora con Dolce&Gabbana fashionpress.it

Per la terza volta quindi Dolce&Gabbana ha affidato alla scuola e ai suoi talenti, tutor e allievi il delicato, impegnativo ma esaltante compito di occuparsi del trucco e parrucco e dei cambi d’abito nella sfilata A/I 2019, nell’ambito di Milano Moda Uomo.

MKS e MBA sfilano ancora con Dolce&Gabbana fashionpress.it

I  Make Up Artist hanno utilizzato gli esclusivi prodotti Dolce&Gabbana Beauty, illuminando l’incarnato dei modelli con i prodotti MILLENNIALSKIN FOR MEN – MILLENNIALSKIN On-The-Glow Tinted Moisturizer and MILLENNIALSKIN On-The-Glow Longwear Concealer, mentre gli  Hair Stylist hanno saputo reinterpretare le tendenze del grooming al maschile. Le vestiariste infine hanno accudito i modelli vestendoli, svestendoli e preparandoli per l’uscita in passerella.

MKS e MBA sfilano ancora con Dolce&Gabbana fashionpress.it

Un lavoro in perfetto sincrono con un risultato esaltante e perfetto, che ha sfilato ancora una volta in modo ineccepibile.

MKS e MBA sfilano ancora con Dolce&Gabbana fashionpress.it

Credits: © Courtesy of Paola Pantarollo PR