MFW: le tribù familiari di Trussardi

110

La Collezione Autunno Inverno 2018/19 Uomo e Donna di Trussardi scrive un nuovo linguaggio estetico dedicato a una gang urbana.

MFW: le tribù familiari di Trussardi

La famiglia come tribù. La modernità veloce di Milano, senza nessuna nostalgia. E il culto del savoir faire italiano, dalla qualità dei materiali a quell’attitudine mentale di fare ogni cosa bene e con gusto.

Multietnica, senza confini di funzione o di ruolo, la Collezione Autunno Inverno 2018/19 Uomo e Donna di Trussardi scrive un nuovo linguaggio estetico dedicato a una gang urbana, immaginaria eppure reale, di ragazzi e ragazze in bilico tra la grande tradizione e le rivoluzioni contemporanee. Un’antitesi? No, al contrario: il loro vestire, il loro vestito è proprio la sintesi, la crasi, forse la soluzione di continuità tra questi due mondi.

MFW: le tribù familiari di Trussardi

Innanzitutto il guardaroba Trussardi, gli elementi diventati elements: il capospalla over costruito alla perfezione, i pantaloni dalla linea ampia e perfetta, la gonna fluida con spacco, la maglieria importante, il Blazer sartoriale, la Biker jacket. E la pelle: di altissima qualità, a mano guanteria o glitterata, illuminata da stampe o intrecciata a formare disegni tartan. E ancora arricchita di segni grafici neri come da una punteggiatura immaginaria.

MFW: le tribù familiari di Trussardi

Questi punti cardine dello stile Trussardi, elementi volutamente senza tempo, rompono la distinzione tra città e montagna, daywear e casualwear. Il tartan si presenta in tante dimensioni, da micro a macro, inserendosi in ogni categoria, dal giorno alla sera. Stampe di montagne o di sciatori passano dai capi più sportivi agli abiti da sera scivolati annullando le classiche destinazioni d’uso. E i colori, scelti tra le sfumature di luce che separano l’alba dal giorno e il tramonto dalla notte, danno una nuova profondità ai pezzi icona del guardaroba.

MFW: le tribù familiari di Trussardi

Le silhouette sono tutte verticali, importanti, spesso segnate in vita come da un’aura di solennità. Le linee, al contrario, sono fluide, veloci, dinamiche. È un ossimoro di stile in grado di unire agilità e sofisticazione, citazioni dal guardaroba di ieri e attitudine disincantata delle tribù metropolitane di oggi.

MFW: le tribù familiari di Trussardi

Gli accessori sono come una cornice in grado di rendere ancora più evidente il messaggio. Maxi marsupi unisex e zaini in tessuto tecnico. Shopping extralarge in pelle stampata o personalizzate con logo a ricamo e dettagli in pelliccia. La borsa a tre soffietti in diversi colori e tracolle intercambiabili è frutto del più alto artigianato italiano. Il levriero è stilizzato e diventa una nuova chiusura affilata con una doppia finalità d’uso: a tracolla oppure top handle. Infine le scarpe: il modello maschile, iconico e iper-tradizionale con linguetta e due fibbie laterali, presta la sua forma a nuovi tronchesi da donna con tacco medio. E nella parte maschile, le scarpe da barca, altra icona del guardaroba classico, sono rivisitate in una chiave creativa che annulla il confine tra sportswear e formale.

Make-up by Lisa Butler and team @ Bryant Artists
Hair by James Pecis and team @ Bryant Artists
Nail by The Green Apple Italia Srl

Credits: © Courtesy of Press Office Trussardi