«CULTURE CHANEL: la donna che legge», il mondo intimo di Coco in mostra a Venezia

135

Dal 17 settembre 2016 all’8 gennaio 2017, Ca’ Pesaro a Venezia ospita la settima tappa di Culture Chanel.

DOUGLAS KRKLAND Ritratto di Gabrielle Chanel sul suo divano Luglio 1962 Collezione Douglas Kirkland, Los Angeles — ©Douglas Kirkland
DOUGLAS KRKLAND Ritratto di Gabrielle Chanel sul suo divano
Luglio 1962 Collezione Douglas Kirkland, Los Angeles — © Douglas Kirkland

Sarà dedicata al rapporto di Coco Chanel e i libri e avrà come scenografia Venezia e Ca’ Pesaro, la settima tappa del percorso “CULTURE CHANEL, La donna che legge”: la mostra, a cura di Jean-Louis Froment con la collaborazione di Gabriella Belli.

Fin dal suo primo episodio nel 2007, CULTURE CHANEL si definisce come “una collezione di mostre”, un racconto diviso in più capitoli, in cui ogni singolo momento è collegato a un disegno più ampio a tracciare la complessa e affascinante personalità di Mademoiselle Coco e del suo vasto mondo culturale.

Quest’itinerario trae la sua forza dall’essere radicato nella cultura del proprio tempo. I rapporti che Mademoiselle ha coltivato per tutta la vita con alcuni tra i più grandi creatori della sua epoca sono determinanti. Amicizie, conversazioni, scambi hanno nutrito la sua riflessione e le sue creazioni.

È questo vocabolario formale che ha forgiato lo stile di Chanel, questa identità singolare, sviluppata e costantemente arricchita attraverso i suoi principi costitutivi.

Questo settimo episodio evoca l’universo creativo di Gabrielle Chanel nell’ottica inedita del suo rapporto con la lettura. Svelata ed esposta per la prima volta, la biblioteca custodisce opere che hanno modellato la sua personalità: Omero, Platone, Sofocle, Lucrezio, Dante, Montaigne, Cervantes, ma anche gli scrittori suoi contemporanei e amici, come Jean Cocteau, Max Jacob.

Attorno a questo nucleo centrale, la mostra gioca sulle analogie che mettono in luce da una prospettiva contemporanea la relazione di Chanel con i libri e la scrittura, in particolare quella poetica, che trova degli echi nella concezione della sua creazione.

Ca’ Pesaro Galleria Internazionale d’Arte Moderna © Fondazione Musei Civici di Venezia

Dediche, archivi, fotografie, si mescolano con un vestiario di creazioni di moda che svelano il vocabolario estetico di Coco, il suo gusto per il classicismo e per il barocco, l’amore per la Russia e per gli ori di Venezia.

Oggetti d’arte provenienti dalla sua collezione, che occupano ancora l’appartamento di rue Cambon a Parigi, saranno esposti per la prima volta al pubblico, così come i quadri, i disegni, i manoscritti degli artisti che hanno incantato la vita della grande stilista accompagneranno l’intimità di questa mostra, “La donna che legge”.

Credits: © Courtesy of Chanel Ufficio Stampa Moda