Un abbraccio tra tessuto e colore: alla Parigi Fashion Week, la collezione del designer belga Olivier Theyskens

51

In occasione della settimana della moda parigina, è stata presentata la collezione Primavera-Estate 2022 di Olivier Theyskens: un assemblage di tessuti diversi dalle tonalità vibranti.

I manichini Aloof dell’italiana Bonaveri accompagnano con le proprie ineffabili forme queste composizioni di luce e colore.

Alla Parigi Fashion Week la collezione del designer Olivier Theyskens | Bonaveri

Memorie nascoste, sentimenti e gesti profondi. Come dipinti, le 22 silhouette presentate da Olivier Theyskens alla Parigi Fashion Week si rivelano nel tranquillo colonnato del Palais Galliera, il museo della capitale francese consacrato alla moda.

Un camaïeu di rose, sete cangianti e scintillanti, rosso fuoco e rosa brillante, un collage scintillante di nero e un bianco prezioso. Gli abiti senza tempo della collezione haute couture del designer belga fondono semplici linee architettoniche con strutture asimmetriche per dare origine a composizioni di colori e riflessi di luce.

Alla Parigi Fashion Week la collezione del designer Olivier Theyskens | Bonaveri

I capi Primavera-Estate 2022, frutto di un anno di ricerca, nascono dall’idea di un patchwork, un assemblage artigianale composto di strisce di pizzo, seta e raso, ricavate dell’archivio personale di tessuti di Theyskens, da lui raccolti nel corso degli anni.

I manichini di Bonaveri accompagnano il racconto di giochi materici e cromatici delle composizioni. Sono le figure di Aloof, con le loro forme allungate e fluide, a mettere in scena gli abiti: raccontando con la loro presenza scenica il lavoro del designer e valorizzandone la ricerca.

Alla Parigi Fashion Week la collezione del designer Olivier Theyskens | Bonaveri

Le figure propongono diversi mood con equilibrio e ricercatezza. Forme inedite si affiancano ai tratti riconoscibili di Theyskens: lunghi abiti da sera che lasciano scoperta la schiena, giacche vittoriane, mini dress e corsetti. I capi rimandano ai kimono e ai tessuti giapponesi Boro – letteralmente “brandelli”, antichi indumenti ottenuti da pezzi di stoffa rattoppati -, si ispirano all’amore con cui vengono indossati e rammendati; richiamano talvolta gli acquerelli di Egon Schiele nelle sfumature di colore o l’Ofelia di Millet nelle sue trasparenze ed evanescenze.

Alla Parigi Fashion Week la collezione del designer Olivier Theyskens | Bonaveri

Aloof: i manichini di Bonaveri dalle forme allungate e fluide

La collezione Aloof si ispira alle collezioni d’archivio della serie Schlappi degli anni Sessanta. Rilegge e interpreta quelle figure caratterizzate da arti e dita allungate, pose esagerate, ai limiti delle proporzioni e una pronunciata inclinazione del collo. Ne è scaturita una visione originale e dei manichini in cui curve angolate e linee prevalentemente dritte sono addolcite dalla femminilità delle pose. L’eleganza degli atteggiamenti richiama le atmosfere degli atelier degli anni ’50 e l’estetica che stylists, editors e fotografi hanno elaborato in scatti iconici che interpretano quell’epoca.

La volontà era quella creare una collezione capace di interagire coralmente, senza che ci fosse la preminenza dei singoli sul totale. Da ciò deriva il senso di teatralità dei modelli, sia quando vengono impiegati da soli, che nelle costruzioni più numerose, nelle quali le figure sembrano specchiarsi le une nelle altre. Questa ricerca di armonia ha portato a creare un manichino capace di tenere la scena nella vetrina di una boutique così come all’interno di un department store: eclettico e versatile. Aloof è stata creata in collaborazione con Emma Davidge, come naturale evoluzione della serie Schlappi. La collezione si compone di 8 figure femminili.

Alla Parigi Fashion Week la collezione del designer Olivier Theyskens | Bonaveri

Production: La Mode en Images
Music: Lukas Heerich
Hair: Odile Gilbert and L’Oréal Paris
Consulting: Gro Curtis

Credits: © Courtesy of Nemo Monti Comunicazione