Hello Apartment: Dakota Fanning dirige il quindicesimo corto di Miu Miu

58

Debutto di Dakota Fanning come regista, Hello Apartment è il quindicesimo film commissionato da Miu Miu per Women’s Tales, la serie di cortometraggi realizzata da donne chiamate a celebrare la femminilità del XXI secolo, esplorandola con occhio critico.

Ava entra per la prima volta nel loft a Brooklyn, completamente vuoto. Ridipinto di fresco, ma dall’aria vissuta. Attraverso le grandi finestre, la luce del sole inonda il pavimento in legno che mostra i segni dell’usura lasciati dagli inquilini precedenti. Ava si siede. Ora questa è casa, la sua casa. Qui è dove incontrerà un ragazzo e si innamorerà. Qui è dove verrà versato del vino durante una festa. Qui è dove si urleranno contro e decideranno che è tutto finito. L’appartamento diventerà testimone della storia personale di Ava – la sua gioia e la sua tristezza, le speranze e le delusioni – il genere di spazio universale nel quale tutti ci ritroviamo nel corso dell’evoluzione verso l’età adulta.

Il debutto come regista di Dakota Fanning, Hello Apartment, è il quindicesimo film commissionato da Miu Miu per Women’s Tales, la serie di cortometraggi realizzata da donne chiamate a celebrare la femminilità del XXI secolo, esplorandola con occhio critico.

Hello Apartment è stato scritto da Liz Hannah, co-autrice del film di Spielberg The Post, nominato agli Oscar. Liz descrive l’idea alla base del corto come “rivivere il proprio passato mentre si passa in rassegna ciò che sta accadendo nella vita presente, tutto in un unico spazio”. Spiega Dakota: “La storia si ispira alla mia prima casa, quella dove vivo tuttora. Un santuario delle esperienze”. Quando le si chiede se prevede di lasciare mai la sua attuale abitazione, risponde: “Ho molta difficoltà ad abbandonare le cose. Cosa accadrà a tutti quei ricordi?” Riguardo alla sua prima esperienza come regista, Dakota ammette: “Avevo bisogno di provare un piccolo brivido di paura,” e aggiunge che “Miu Miu è come una famiglia per me. Incorporare tutti quei look diversi è stato una vera gioia”.

Il nuovo episodio della serie Women’s Tales è l’affettuoso ritratto di una giovane donna che, con un balzo sensuale, supera la distanza tra i giorni, i mesi, gli anni. Vuole rammentarci che noi lasciamo un’impronta nell’ambiente che ci circonda. Le cicatrici sono le nostre storie. Decenni più tardi, una Ava molto più avanti negli anni ritorna nello stesso spazio, con lo stesso sole che riversa la sua luce attraverso le grandi finestre e i ricordi che tornano ad affollare la mente. “Hello apartment.”

I precedenti capitoli di Women’s Tales sono (The [End) of History Illusion] di Celia Rowlson-Hall, Carmen di Chloë Sevigny, That One Day di Crystal Moselle, Seed di Naomi Kawase, Les 3 Boutons di Agnès Varda, De Djess di Alice Rohrwacher, Somebody di Miranda July, Spark and Light di So Yong Kim, Le Donne della Vucciria di Hiam Abbass, The Door di Ava DuVernay, It’s Getting Late di Massy Tadjedin, The Woman Dress di Giada Colagrande, Muta di Lucrecia Martel e The Powder Room di Zoe Cassavetes.

Directed by Dakota Fanning and starring Eve Hewson, Tom Sturridge & Christina Rouner

#MiuMiuWomensTales #MiuMiu