MFW: la purezza di Jil Sander

199

Purezza e modernità sono i codici di stagione secondo Jil Sander. La collezione mandata in scena dal duo Lucie e Luke Meier per la primavera-estate 2018 è una trascrizione fedele del purismo clinico che è firma inconfondibile dell’etichetta.

Jil Sander MFW SS18 fashionpress.it

Lucie e Luke Meier hanno debuttato da Jil Sander con una collezione unificata, che offre una nuova e fresca acquisizione alla firma rigorosa dell’eleganza del marchio.

Il marchio, pur semplice in superficie, si dipana come un insieme estremamente complesso di contrasti e sfumature. Jil Sander è circa l’anima, la sensibilità, l’umanità. Si tratta di qualità, di un design essenziale e di un approccio a indumenti e prodotti puri e raffinati. Si tratta di trovare il delicato equilibrio tra perfezione e imperfezione.

MFW: la purezza di Jil Sander

La collezione Primavera Estate 2018, composta da aspetti maschili e femminili, dimostra la sensibilità e la purezza in combinazione con la costruzione moderna e l’innovazione. Questo contrasto è fondamentale per ciò che i Meiers vogliono mantenere all’interno del loro lavoro al marchio, celebrando la natura e il tocco umano, mentre abbraccia l’ingegnosità progressiva.

Una tavolozza pura di bianchi con il navy, il cammello e il nero ricorda i codici della casa, mentre i colori vivaci danno forza a maglie voluminose.

MFW: la purezza di Jil Sander

La camicia bianca poplina è rivisitata in diverse iterazioni; nuove proposte di costruzione sartoriale sono dimostrate contro tende chiare e ariose; lo smock tradizionale e funzionale e la distorsione elastica collegano la funzionalità maschile con i volumi femminili; il lavoro manuale è essenziale per la preziosità del macramé e dettagli ricamati.

Jil Sander si conferma portavoce di uno stile poetico e minimale. Che è capace di non stancare mai.

Credits: © Courtesy of Jil Sander PR