Locherber Milano presenta VENETIÆ

407

Una nuova fragranza e un oggetto di design dedicati al fascino di una storia millenaria

Locherber Milano presenta VENETIÆ

La magia di Venezia e il fascino di una storia millenaria che lega l’Uomo alla Laguna rivivono in “VENETIÆ”, il nuovo ed esclusivo progetto di Locherber Milano.

L’amore per il bello, la ricerca dell’unicità, la passione per il dettaglio: sono questi i valori che ispirano ogni creazione di Locherber Milano, che ha fatto della profumazione d’ambiente una vera e propria arte.

“VENETIÆ” infatti non è “solo” una nuova fragranza ispirata alla città lagunare, è un pezzo di storia e di cultura veneziana, è l’omaggio a una delle sue più antiche tradizioni che diventa oggetto raro e raffinato grazie alla sapiente lavorazione artigianale e al design elegante.

Dal recupero delle “briccole” (i pali conficcati nel terreno che gli abitanti della laguna, da migliaia di anni, utilizzano per delimitare i canali navigabili e regolare il traffico marittimo) nasce, infatti, il nuovo tappo T2, le cui linee, ispirate agli antichi capitelli classici a cubo sgusciato, sono ormai un’icona per Locherber Milano.

Questi pali, generalmente in legno di quercia, immersi per anni nelle acque salmastre della laguna, subiscono l’erosione della teredine (Teredeo Navalis), un mollusco che si nutre di legno e per questo, sin dall’antichità, terrore di tutti i naviganti, essendo in grado di distruggere in poco tempo strutture portuali e scafi di imbarcazioni.

Ma sono proprio gli attacchi delle teredini a rendere le “briccole” esauste una materia prima originale, che plasmata da mani esperte, attraverso un meticoloso processo di lavorazione artigianale, dà vita ad autentici capolavori: pezzi unici, veri gioielli di artigianalità che raccontano una storia affascinante e irripetibile e fanno rivivere l’atmosfera di un mito.

Il nuovo tappo è un dettaglio prezioso per l’elegante flacone in vetro blu verniciato a mano che fa del diffusore “VENETIÆ” un oggetto di design ricercato ed esclusivo.

Credits: © Courtesy of MCS & Partners