Trajectories: Sala Sfilata Prada Uomo A/I 2020

38

Classico surreale. Contraddizioni e dicotomie: tecno-classicismo, storie future, modernismo, mascolinità antieroica. La Sfilata Prada Uomo FW20 presenta punti di vista sincroni ma antonimi sulla tradizione.

Per la sfilata Prada Uomo Autunno/Inverno 2020, AMO trasforma la sala del Deposito in due piazze immaginarie che rivelano l’energia astratta dell’arena pubblica.

La scena è essenziale: una successione asimmetrica di porte – illuminate da una luce rossa per dare profondità – segna il confine tra lo spazio pubblico e un enigmatico porticato, nascosto dietro l’architettura; al centro di entrambe le arene, una statua astratta che fornisce un punto focale e un asse tridimensionale.

Le intense proiezioni della statua sul pavimento ricreano lunghe ombre di un tramonto autunnale, delineando la piazza ed esaltandone la composizione grafica.

Trajectories: Sala Sfilata Prada Uomo A/I 2020

Il rapporto fra la sfilata e il pubblico che la osserva dall’alto è al tempo stesso distaccato e voyeuristico. I modelli vagano nello spazio, appaiono e scompaiono, seguendo traiettorie invisibili che sfumano il confine tra ciò che è visibile e ciò che è celato.

Trajectories: Sala Sfilata Prada Uomo A/I 2020 Trajectories: Sala Sfilata Prada Uomo A/I 2020 Trajectories: Sala Sfilata Prada Uomo A/I 2020

Crediti: OMA/AMO